Cos’è Smart&Start Italia e come aiuta le startup?

cura italia - incentivi imprese riconversione
Covid-19: incentivi #CuraItalia di Invitalia per chi produrrà dispositivi medici e di protezione
25 Marzo 2020
cosa sono i codici ateco?
Cosa sono i codici Ateco?
1 Aprile 2020
Mostra tutto

Cos’è Smart&Start Italia e come aiuta le startup?

smart e start italia

Smart&Start Italia è uno strumento agevolativo per imprese istituito dal Ministro dello sviluppo economico il 24 settembre 2014 (con le relative successive modifiche).
Lo scopo è sostenere, su tutto il territorio nazionale, la nascita di startup o l’adeguamento tecnologico di aziende già attive.
Si possono finanziare progetti a partire dai €100.000 fino a 1,5 milioni di euro.

A chi è rivolto Smart&Start?

Il programma è rivolto a:

  • startup innovative di piccola dimensione, costituite da non più di 60 mesi
  • team di persone fisiche che vogliono costituire una startup innovativa in Italia, anche se residenti all’estero, o cittadini stranieri in possesso dello “startup Visa
  • imprese straniere che si impegnano a istituire almeno una sede sul territorio italiano

Possono inoltre accedere al programma anche imprese che producono oggetti o erogano servizi che rientrano nelle seguenti caratteristiche:

  • che abbiano significativo contenuto tecnologico e innovativo
  • che sviluppino prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, dell’intelligenza artificiale, della blockchain e dell’internet of things
  • che contribuiscano alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata

Cosa si intende per startup innovativa?

La definizione di startup innovativa è regolamentata dall’articolo 25 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n.179, che individua le imprese in veste giuridica di società di capitali (società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita per azioni), società cooperativa, società residente o non residente in Italia, che presentino i requisiti formali sostanziali e cumulativi definiti nel decreto legge.

Cosa si intende per Tutoraggio?

Il programma prevede oltre al finanziamento, un vero e proprio tutoraggio tecnico-gestionale per le startup più giovani costituite da meno di 12 mesi.
Questo servizio punta a supportare i neo – imprenditori rafforzando le loro competenze con webinar specifici sugli ambiti di azione dell’impresa e servizi di mentorship. Un vero e proprio affiancamento all’impresa di un esperto che possa guidare nelle prime fasi, la gestione degli ambiti manageriali.
Inoltre un tutor di Invitalia sarà assegnato all’azienda, che seguirà l’attività con servizi di tutoraggio e monitoraggio per controllare che vi sia un’efficacia dei servizi a favore dell’impresa.

Quali sono le agevolazioni previste?

Smart&Start è senza interessi per l’80% delle spese ammissibili. Il finanziamento è elevabile al 90% nei seguenti casi:

  • se la società è formata da donne con età inferiore ai 35 anni,
  • se nella società è presente un esperto con titolo di dottore di ricerca (o equivalente) conseguito da non più di 6 anni e impegnato stabilmente all’estero in attività di ricerca o didattica da almeno un triennio

L’intero finanziamento ha una durata di 10 anni.

Per le startup innovative con sede in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, il finanziamento è restituibile in misura parziale, per un ammontare pari al 70% dell’importo di finanziamento agevolato concesso per le spese del piano di impresa.

Come funziona?

Invitalia S.P.A. si occupa della fase istruttoria delle domande. Queste vengono selezionate e accettate solo se rispettano precisi criteri, spiegati nel dettaglio dalla circolare n. 439196 del 16 dicembre 2019:

  • adeguatezza delle competenze tecniche, organizzative e gestionali richieste dall’attività imprenditoriale;
  • carattere innovativo dell’idea alla base del piano di impresa, in riferimento alla introduzione di un nuovo prodotto e/o servizio, ovvero di nuove soluzioni organizzative o produttive;
  • sostenibilità economica e finanziaria dell’iniziativa, anche tenuto conto delle prospettive del mercato di riferimento al quale l’impresa proponente rivolge la propria offerta, ovvero del potenziale nuovo mercato individuato;
  • fattibilità tecnologica ed operativa del piano d’impresa.

Vengono inoltre premiate le startup che collaborano con Organismi di ricerca e incubatori e acceleratori di impresa (ivi compresi i Digital Innovation Hub) e alle startup già operanti nelle Regioni del Centro-Nord da almeno 12 mesi che promuovono la realizzazione di un piano d’impresa localizzato nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Se stai cercando finanziamenti per il tuo progetto e vuoi essere certo che la tua domanda venga accettata, contattaci.
Tu ci parlerai del tuo progetto e noi ti aiuteremo a renderlo realtà!